18/03/2011

Terremoto in Giappone: illesi i giardini di Tè ma futuro incerto per le attività commerciali

Anche il mondo del Tè è stato toccato dall’evento del sisma. Pur se è molto difficile tracciare un quadro esaustivo della situazione i primi report indicano che i coltivatori e i produttori giapponesi fortunatamente sono in larga parte illesi.

Il problema principale al momento è legato alla difficoltà dei collegamenti (trasporti, elettricità e blackout).

La maggior parte dei giardini di Tè infatti si trova nel sud dell’isola e comunque lontano dalla costa per cui ha risentito meno del sisma e dello tsunami.
Danni più importanti invece si registrano per le attività commerciali situate nelle aree urbane, centro del disastro. Sembrerebbe che nella sola regione di Sanriku oltre 50 Tea Store siano dispersi.
La prefettura di Shizuoka, in assoluto la più grande area di produzione di Tè in Giappone inoltre è al momento in black out.

E’ difficile dire quanto questa crisi energetica durerà ma indubbiamente l’esplosione nella quarta centrale nucleare non fa ben sperare.
La raccolta di primavera non è ancora iniziata ma se la situazione di blackout persiste, la produzione di Tè sarà molto più complicata nei prossimi mesi.
La regione di Sayama, nella prefettura di Saitama è una delle zone più vicine all’epicentro del sisma ma fortunatamente i giardini sono nell’entroterra ed in altitudine per cui non sono stati colpiti direttamente.

Questa è al momento la situazione in base ad una prima indagine effettuata attraverso le fonti in nostro possesso. Se ci saranno altre novità le comunicheremo attraverso il sito e la newsletter.



Foto courtesy AOI Company –Matcha garden prima del sisma.

[Per leggere l’articolo completo >>>]



all news...

Carrello

Vai al carrello Il tuo carrello

Il carrello è vuoto

Condizioni generali di vendita | Pagamento sicuro | Consegne | Riservatezza dei dati | P.IVA 02334560428 

Copyright 2011 - Cose di Tè Italy

Privacy Policy